o

La crema del beatmaking italiano in un doppio vinile!

Ascolta

 

Le poche etichette che in italia stampano i vinili ci hanno detto che in Italia non c'è mercato per un LP dedicato al beatmaking d'autore.

Non abbiamo voluto credere ad una così triste notizia e siamo qui a presentarti "beatmaKINGS", una compilation desitanata a diventare punto di riferimento per la disciplina in italia.

Prendi la crema della scena emergente italiana, aggiungi un bel numero di personaggi di spicco della disciplina (Dj Jad, Esa, Ice One, Mastafive, Res Nullius & More), insaporisci il tutto con un lettering esclusivo elaborato niente meno che da Luca Barcellona (Lord Bean), dei ritratti realizzati a mano da Alessia Santangeletta ed ottieni un album d'autore destinato a lasciare il segno.

 

 

BeatmaKINGS è un dipinto che ritrae questa meravigliosa disciplina nelle sue molteplici sfaccettature: su un comune denominatore hip hop ascolterai strumentali tendenti al soul, all'rnb, al jazz e all'abstract, ma anche beats hardcore e persino un pizzico di trap.

E' un lavoro estremamente completo che abbraccia il campionamento come l'elettronica più spinta, passando dall'estrema lucidità di alcuni pezzi alla piega volutamente Lo-Fi di altri.

Insomma, 34 beatmakers per la vera fotografia della scena italiana nel 2017!

Ecco la cover:

L'intero lavoro sara in FREE DOWNLOAD dal 21/06/17 a questo link: QUI

Ma noi vogliamo rendere il tutto ancor più epico arrivando a stampare un doppio vinile e col tuo sostegno lo realizzeremo!

Eccoti la lista completa dei partecipanti:

Dj Jad // Res Nullius // Mastafive // Odeeno // Ice One // Grabe // Esa aka Capitan Futuro // Iken // Grillo // Dj Uncino // Dj El D // Jayl Uroboros // Bonbooze // Zreticuli // NuBourbon // Deal The Beatkrusher // Jerry Mistic // Ocra M // Tomo Cezen // Oriental Phase // Ciro Mont // Oohgì // CBRTGR // Raini // Enfield // Gheto Soffitta // Coso Beats // Black Hash // Yambu // Bargeman // Sonakine // Malosmokies // Oluwong // Ugly Shoes
 
 

Un artista, in quanto tale, è volto a creare opere d'arte e non dovrebbe preoccuparsi di un eventuale "carriera" né di pubblicizzare i suoi lavori, ma semplicemente di creare della buona musica che trasmetta un messaggio, sia esso racchiuso in una melodia o nella parola.


Per noi quel messaggio è fondamentale, che si tratti delle "positive vibrations" racchiuse in un campione funk, o della malinconia che certi accordi riescono ad esprimere su un Fender Rhodes: è il messaggio che puoi trovare nei testi a sfondo "sociale" così come nei più introspettivi e "filosofici".

Il tutto ovviamente senza peccare di scarsa originalità: nelle nostre releases, principalmente focalizzate sul beatmaking d'autore, è infatti di fondamentale importanza la ricerca musicale oltre che umana, basata sulla sperimentazione e sulla contaminazione.

Stanchi di un atteggiamento critico ma passivo nei confronti della scena musicale odierna, abbiamo dato vita ad una realtà super-partes che detti nuovi canoni di giudizio, non solo in termini musicali.

Poiché, per quanto siamo soggetti ai capricci di certi scellerati che governano il mondo, il vero cambiamento risiede nelle singole persone e neanche il più potente degli eserciti può ostacolare una coscienza che prende consapevolezza del suo potenziale.

Mettiamo a disposizione, per gli artisti ritenuti validi ed in linea coi principi esposti, tutto ciò di cui necessitano per fare semplicemente musica: dalle registrazioni all'ufficio stampa, passando per i missaggi, il mastering e le grafiche.

Non solo, HFR vuole essere un network in cui gli artisti collaborano in base alle proprie abilità (anche extramusicali) per un obiettivo comune: risanare una scena malata, che è stata ammalata da chi trae vantaggio dalla malattia, e che si è lasciata ammalare e corrompere con lo scopo, per alcuni, di ottenere vantaggi personali.

Questo bisogno di cambiamento è talmente avvertito che in tempi brevissimi l'etichetta ha goduto del supporto sia del pubblico che di numerose ed importanti realtà nazionali e persino d'oltreoceano, permettendole di presentarsi fin da subito in tutta la sua concretezza.
 
HASHETIC FRONT, INSIGHT THROUGH MUSIC
 
 
 
Res Nullius (Crazeology): Matteo Magazzù è Res Nullius, beatmaker dal celebre team di produzione Crazeology.
Si è distinto nella scena underground statunitense per superbe produzioni dal sapore classico, arrivando a collaborare con mostri sacri del panorama Hip Hop mondiale.
Lo caratterizza un gusto sopraffino per la scelta dei campioni, che vanno a posarsi su batterie ruvide e dure come l’asfalto.
 
 
Nu.Bourbon: Vincenzo Pelliccia (classe ‘86) è il nome d’ arte di Nu.Bourbon, produttore originario di Casalnuovo di Napoli.
L’incontro con la cultura hip hop sul finire degli anni novanta lo porterà, nella prima metà dl nuovo millennio, ad appassionarsi al beatmaking.
Il suo stile è personale, sperimentale ed innovativo nonostante sia indubbia l’influenza di grandi beatmakers come Madlib, J Dilla, Jneiro Jarel, Dabrye e Flying Lotus.
 
 
Jayl Uroboros: Tanto giovane quanto promettente, Luca Chiatto (classe ‘95) è un prodigioso beatmaker campano che si distungue per strumentali di stampo LO-FI e dalle chiare influenze Jazz.
The Cxrcle è il suo lavoro d’esordio che incarna la perfetta congiunzione tra campionamento e sperimentazione, all’insegna del Loop e su ritmiche mai scontate.
 
 
Sodo Studio: Speaker Cenzou , pietra miliare del rap nazionale fin dai prini anni novanta, veste i panni del super produttore Sodo Studio.
Sotto quest’alias viene pubblicato tutto ciò che di strumentale nasce dal genio creativo di Vincenzo Artigiano: una bottega che sforna beats dal sapore originale, innovativo e fresco.
Il suo stile è tanto indefinibile quanto riconoscibile, ricco di contaminazioni e con un mood emotivo ineguagliabile.
 
 
Dj EL D: Atmosfere oniriche e bassi totalizzanti sono le strade attraverso cui Dario Aveta (Arzano – NA) si fa largo nei meandri emotivi dell’ascoltatore.
Maestro dell’abstract, è in grado di coglierne gli aspetti più energici come quelli più delicati portando alla luce chiare contaminazioni Soul, RnB, Trap e Future Bass
Il suo suono, dolce ed allo stesso tempo accattivante, è cibo per l’anima.
 
 
Zreticuli: Attivo dal 2002, Zreticuli produce strumentali ricercate, mescolando Hip Hop, Trip Hop, Drum’n’Bass e Jazz in uno stile inconfondibile.
La sua musica potrebbe essere definita Progrssive Hop, in quanto punto d’incontro tra campionamento, virtual instruments e parti suonate.
La scelta dei suoni e l’attenzione ai mixaggi rendono i suoi lavori dei veri gioiellini.
 
 
Jerry Mistic: Quando si tratta di mescolare bassi electro a campioni funk nessuno eguaglia Jerry Mistic, beatmaker bergamasco classe ‘88 attivo dalla prima metà degli anni 2000.
Sempre in costante evoluzione il suo stile porta innovazione su un tappeto Hip Hop, con validi elementi di Glitch Hop e contaminazioni Dubstep.
 
 
 
 
ORA CHE CI CONOSCI BENE E' IL MOMENTO DI ENTRARE IN GIOCO!
 
SCEGLI LA RICOMPENSA E CONTRIBUISCI IN PRIMA PERSONA A POSIZIONARE QUESTO NUOVO MATTONE NELLA GRANDE COSTRUZIONE CHE E' IL PANORAMA HIP HOP ITALIANO!
 
 
Seguici su Facebook
Ascoltaci su Soundcloud
Downloadaci su Bandcamp
 
www.hasheticfrontrecords.com
 
 
 
 

Unisciti alla folla!

Raiser

Scrivi all'artista

close
Nome*
E-mail*
Messaggio*

Richiesta inviata.

Store